Ordini telefonici 0173 55 05 50 - Lunedì - Venerdì 9:30 - 18:30
Svinando

 Consegna garantita entro Natale per ordini effettuati online entro mezzanotte del 16/12!

Vino Bolgheri Sassicaia DOC

Le origini della viticoltura nel territorio di Castagneto Carducci risalgono al periodo etrusco.

In epoca contemporanea sono stati intensificati gli innesti di nuovi impianti nelle aree vitivinicole tra Bolgheri e i comuni limitrofi, in particolare in quelle di San Guido, Belvedere e Felciano, aumentando così sia la quantità che la qualità della produzione dei vini della zona. A fare il passo più determinato e per certi versi rivoluzionario in direzione del vino di eccellenza è stato il marchese Mario Incisa della Rocchetta, che nel 1942 piantò nella Tenuta San Guido in Bolgheri i primi vitigni in fase sperimentale, importando le viti di cabernet sauvignon e cabernet franc dai vigneti della celebre azienda bordolese Chateau Lafite, gettando le basi di quello che sarebbe diventato uno dei vini più rinomati dell’enologia italiana, il Bolgheri Sassicaia DOC, il cui nome deriva dal terreno della zona, particolarmente sassoso.

Oltre al nuovo vitigno introdusse tecniche innovative volte a ridurre sempre più la quantità di uva coltivata per ettaro, e sostituì le botti classiche con le barrique, andando così ad intensificare le caratteristiche del vino prodotto. Commercializzato per la prima volta nel 1968, in 3000 bottiglie, solo 10 anni dopo ha ottenuto i primi premi internazionali, sino a quando nel 1983, anno di riconoscimento della DOC, è stato menzionato come uno dei migliori vini del mondo.

Caratteristiche organolettiche del vino Bolgheri Sassicaia DOC

Di colore rubino intenso tendente al granato, al naso esprime profumi pieni ed eleganti che si risolvono in un assaggio ricco, strutturato, asciutto e persistente. Servito a 18-20° risulta ottimo in abbinamento a cacciagione in genere e formaggi stagionati.

Zone di produzione del vino Bolgheri Sassicaia DOC

È consentita la produzione nell’intero territorio del comune di Castagneto Carducci (LI).

Vitigni consentiti

È consentito l’uso di uve cabernet sauvignon minimo al 80%, ammettendo la presenza di altri vitigni a bacca rossa per un massimo del 20%.

Norme di produzione

- Le forme di allevamento consentite sono il cordone speronato e l’archetto ad alberello basso
- Per i nuovi impianti e i reimpianti la densità non può essere inferiore a 4.000 ceppi / ha
- La produzione massima non deve superare le 6 t / ha
- Il titolo alcolometrico volumico naturale minimo deve essere di 11.5% vol.
- Richiede un invecchiamento di almeno 24 mesi a partire dal 1° gennaio successivo alla vendemmia, di cui almeno 18 mesi in botti di rovere di capacità non superiore a 225 litri
- Tutte le operazioni di vinificazione, invecchiamento e imbottigliamento, devono essere effettuate nella zona DOC

 

Le Selezioni di Svinando Wine Club

Ecco alcune delle offerte che abbiamo riservato ai membri del nostro esclusivo Wine Club.
Registrati per essere sempre aggiornato sulle nostre imperdibili offerte. E ricorda... Bere Bene Conviene!

SPEDIZIONE IN 48H
Reso Gratuito
Soddisfatti o Rimborsati
Tracking Online
Assistenza Gratuita