Ordini telefonici 0173 55 05 50 - Lunedì - Venerdì 9:30 - 18:30
Svinando

Il Nord-Est italiano, un territorio difficile baciato dal successo

Quelli del Nord-Est italiano sono vini di frontiera, con un’identità specifica che affonda le radici nello spirito commerciale dei mercanti veneziani e nelle difficoltà oggettive che i viticoltori hanno sempre dovuto affrontare in questa zona, in particolare il clima rigido e le asperità del terreno.

Gli artigiani del vino da queste parti hanno quindi dovuto imparare in fretta ad innovare, ad adattarsi e migliorarsi. Ecco come il Veneto è arrivato ad essere tra le tre regioni più produttive d’Italia, insieme a Puglia e Sicilia, distinguendosi per le produzioni di qualità della Valpolicella (ma anche Soave, Breganze e altre zone) e per la bollicina italiana più famosa nel mondo, il Prosecco.

E in questa fetta d’Italia, dove oltre ai mercanti veneziani sono passati Romani e Austriaci, a fianco dei vitigni autoctoni si è sviluppata la coltivazione di quelli internazionali.

Friuli e TrentinoAlto Adige, dove si trovano alcuni dei vigneti più belli e suggestivi d’Italia, spesso scavati nella roccia in posizioni che hanno dell’incredibile, si sono distinti come zone particolarmente vocate alla produzione di vini bianchi.

Insieme agli autoctoni ribolla gialla e gewurtzraminer, si sono imposti i grandi vitigni globali a bacca bianca, come pinot bianco, sauvignon blanc, chardonnaye muller-thurgau, il vitigno ibrido e aromatico inventato alla fine del XIX secolo dall’enologo svizzero (turgoviese) Hermann Muller, ottenuto incrociando riesling renano e madaleine royale. Fino a poco tempo fa si pensava che il secondo vitigno fosse il sylvaner, ma recenti studi sul DNA hanno rivelato l’errore.

L’area di Trento invece, insieme alla Franciacorta (Lombardia) e alla DOCG veneta Conegliano-Valdobbiadene, è una delle zone dove gli spumanti italiani hanno raggiunto i risultati più interessanti.

È un tipo di scenario che si traduce in un successo anche commerciale: secondo dati ISMEA e Federdoc (volumi 2011, prezzi 2013) sul valore della produzione di qualità (DOC e DOCG), le regioni del nordest prendono metà della Top10 italiana, occupando il podio quasi per intero, con Conegliano-Valdobbiadene (108 milioni di euro) e Valpolicella (93 milioni) ai primi due posti, seguiti dalla Toscana, col Chianti (91 milioni), al terzo. Ma, fatta eccezione per la Toscana, presente con Chianti, Chianti Classico e Brunello, il Piemonte con il Barolo, e l’Abruzzo con il Montepulciano, è il nordest, presente anche con Trentino, Alto Adige e Soave, a far la parte del leone.

Le Selezioni di Svinando Wine Club

Ecco alcune delle offerte che abbiamo riservato ai membri del nostro esclusivo Wine Club.
Registrati per essere sempre aggiornato sulle nostre imperdibili offerte. E ricorda... Bere Bene Conviene!

SPEDIZIONE IN 48H
Reso Gratuito
Soddisfatti o Rimborsati
Tracking Online
Assistenza Gratuita