chiama-lo-01119467821-per-ordini-telefonici
Su Svinando puoi pagare anche in contrassegno e bonifico. Senza costi aggiuntivi.

spedizione-gratuita-con-6-bottiglie

Abbiamo rilevato che stai navigando con una versione obsoleta di Internet Explorer. Potresti avere dei problemi nell'uso del nostro sito. Usa Google Chrome

Per ordini telefonici e info ›› 011 19467821

Spedizioni gratuite con 6 bottiglie

Siamo chiusi per ferie dal 10 al 27 Agosto » Gli ordini effettuati in questo periodo verranno spediti entro mercoledì 30 Agosto p.v.

 Sei già registrato? Accedi qui Con Svinando bevi solo vini di qualità e hai spedizioni gratuite con 6 bottiglie

Entra anche tu nel Wine Club. Accedi alle offerte riservate!

Offerte esclusive con sconti fino al 50% e ogni giorno un nuovo vino

  • f   | Connect
 

Accedi al tuo account

 

Come scegliere il giusto tipo di bicchiere da vino

Scopri come scegliere il giusto bicchiere di vino

Un buon bicchiere dovrebbe permettere di apprezzare al meglio le caratteristiche del vino che contiene, quali colore, profumo, e ovviamente sapore. E’ preferibile quindi utilizzare un calice di cristallo, o almeno vetro sonoro, completamente trasparente e senza decorazioni o sfaccettature. Poi più che di bicchiere si dovrebbe sempre parlare di calice, il tipico bicchiere a forma di tulipano, composto da una base di appoggio (piede), un gambo (o stelo) e una pancia destinata a contenere il vino, detta bevante.

E’ opportuno reggere il calice tenendolo dalla base, in modo che odori estranei (sapone, colonia, etc.) non interferiscano con il bouquet del vino. Inoltre reggere il calice dal bevante potrebbe compromettere la giusta temperatura di servizio del vino. Fondamentale è poi la forma del calice: in commercio ne esistono moltissimi tipi. Il nome di solito richiama il tipo di vino a cui il calice è destinato (Borgogna, Bordeaux, Barbaresco), o semplicemente la sua forma (Flute, Tulipano, Grand Ballon), ed è importante saper associare ad ogni vino il calice appropriato. Vediamo quali sono i principali.

In linea generale, i calici di forma più allargata (come il Bordeaux o il Borgogna) sono adatti ai vini rossi: sia perché concentrano il vino verso la parte posteriore della bocca, evitando che i tannini aggrediscano le gengive. Sia perché la loro forma favorisce l’ossigenazione del vino. Sia perché permettono di esprimere al meglio la complessità dei profumi.

Per i vini bianchi strutturati si usano bicchieri simili a quelli per i rossi giovani, ma con l’apertura più stretta in modo da concentrare i profumi verso l’alto (tipo il Renano). Per quelli più giovani, è molto diffuso il Tulipano, che con la sua forma particolare dirige il vino verso la punta e i lati della lingua, con cui si percepiscono rispettivamente dolcezza e acidità.

La flute è il calice indicato per gli spumanti secchi: concentra i delicati profumi verso l’alto e mantiene a lungo il perlage.

La coppa è il calice più adatto alla degustazione degli spumanti dolci: il liquido si distribuisce in bocca in modo uniforme e permette alla dolcezza e agli aromi di esprimersi al meglio senza essere invadenti.

Infine per i vini dolci e liquorosi sono da prediligere calici di piccole dimensioni, destinanti a contenere una minore quantità di vino, abbastanza ampi da consentire agli aromi di esprimersi ma con l’apertura stretta per concentrarli verso il naso (come lo Sherry).

Ad ogni vino, il suo calice!

Le Selezioni di Svinando Wine Club

Ecco alcune delle offerte che abbiamo riservato ai membri del nostro esclusivo Wine Club.
Registrati per essere sempre aggiornato sulle nostre imperdibili offerte. E ricorda... Bere Bene Conviene!

 

Immagine offerta bottiglia di Franciacorta Brut Satèn  Az. Agr. Lantieri de Paratico - Svinando
Bottone Scopri

Franciacorta Brut Satèn
Az. Agr. Lantieri de Paratico, Lombardia

Da un produttore storico ecco il più setoso dei Franciacorta, il Satèn. Le note più fresche di frutta matura si fondono con delicati profumi di brioche appena sfornata. Cremoso, morbido, suadente… uno strepitoso metodo classico che abbiamo promosso con il massimo dei voti.
Continua a leggere

Immagine offerta bottiglia di Treggiaia Chianti Classico Riserva DOCG Az. Agr. Tommaso Cei - Svinando
Bottone Scopri

Treggiaia Chianti Classico Riserva DOCG
2009, Az. Agr. Tommaso Cei, Toscana

Per un giovane vignaiolo le vigne del Chianti Classico rappresentano un impegno, preso con la propria terra e con chi l'ha coltivata in passato. Da questo territorio tutto il mondo si aspetta vini speciali, che facciano tornare alla mente le sensazioni che la campagna chiantigiana sa dare.
Continua a leggere