chiama-lo-01119467821-per-ordini-telefonici
Su Svinando puoi pagare anche in contrassegno e bonifico. Senza costi aggiuntivi.

spedizione-gratuita-con-6-bottiglie

Abbiamo rilevato che stai navigando con una versione obsoleta di Internet Explorer. Potresti avere dei problemi nell'uso del nostro sito. Usa Google Chrome

Per ordini telefonici e info ›› 011 19467821

Spedizioni gratuite con 6 bottiglie

Siamo chiusi per ferie dal 10 al 27 Agosto » Gli ordini effettuati in questo periodo verranno spediti entro mercoledì 30 Agosto p.v.

 Sei già registrato? Accedi qui Con Svinando bevi solo vini di qualità e hai spedizioni gratuite con 6 bottiglie

Entra anche tu nel Wine Club. Accedi alle offerte riservate!

Offerte esclusive con sconti fino al 50% e ogni giorno un nuovo vino

  • f   | Connect
 

Accedi al tuo account

 

Carricante, vitigno autoctono etneo

Il carricante (noto anche come carricanti, nocera bianca, catanese bianco) è un vitigno a bacca bianca autoctono siciliano, diffuso in provincia di Catania, in particolare sull’Etna. Ha origini antichissime, tanto che lo citava Sestini, nelle sue memorie sui vini di Mascali, già nel 1760. Il nome del vitigno deriva probabilmente dall’abbondante produzione che lo caratterizza.

Ha foglia media, sub-orbicolare o pentagonale, trilobata o pentalobata; grappolo medio, conico, semplice o con un’ala, semi-spargolo o spargolo; acino medio, sub-ellissoidale, con buccia ricoperta di abbondante pruina e consistente, di colore verde giallastro con sfumature verdi-biancastre; la polpa ha sapore semplice e dolce. Predilige sistemi di allevamento di scarsa espansione, con potatura corta e povera. Ha produzione abbondante e costante.

È particolarmente sensibile alle brinate primaverili e alla siccità, che può provocare in alcuni casi scottatura sui grappoli non opportunamente protetti. Inoltre è poco tollerante alle malattie crittogamiche (malattie parassitarie dei vegetali causate da funghi microscopici quali oidio, peronospora, ecc.) .

Vinificato singolarmente, dà origine a un vino fine, caratterizzato da colore giallo paglierino con riflessi verdolini, con un bouquet complesso fatto di note erbacee e floreali, e un gusto caldo e sapido. L’elevata acidità fissa (con un pH piuttosto basso, 2.9/3.0) lo rende adatto all’affinamento in legno e all’invecchiamento. Per la finezza che è in grado di dare viene spesso vinificato insieme ad altri vitigni, autoctoni come il catarratto, l’inzolia, la minella, o internazionali, come lo chardonnay.

Lo si può trovare vinificato anche in blend con uve a bacca scura, come il nerello mascalese: in origine tale usanza era diffusa nelle contrade più alte della zona etnea, dove il Nerello Mascalese maturava con più fatica. Inizialmente il Carricante era diffuso in tutto il territorio siciliano, ma il suo utilizzo è gradualmente calato quando la produzione dell’isola ha iniziato a puntare sui vini rossi, più strutturati e alcolici.

Le Selezioni di Svinando Wine Club

Ecco alcune delle offerte che abbiamo riservato ai membri del nostro esclusivo Wine Club.
Registrati per essere sempre aggiornato sulle nostre imperdibili offerte. E ricorda... Bere Bene Conviene!

 

Immagine offerta bottiglia di Etna Bianco DOC Az. Agr. Tenuta Monte Gorna - Svinando
Bottone Scopri

Etna Bianco DOC
2010, Az. Agr. Tenuta Monte Gorna, Sicilia

Tenuta Monte Gorna si trova sull'Etna, a 760 metri di quota, in contrada Carpene, una delle 133 contrade etnee dove si producono i vini DOC, lungo La Strada dei vini dell'Etna. Un luogo di selvaggia bellezza, immerso nel Parco regionale. L'azienda prende il nome da uno dei crateri spenti che circondano l'Etna e che tracciano il profilo del versante sud-est del vulcano.
Continua a leggere

Immagine offerta bottiglia di Etna rosso DOC Tenuta Monte Gorna - Svinando
Bottone Scopri

Etna rosso DOC
2011, Tenuta Monte Gorna, Sicilia

Torniamo alle pendici dell’Etna con una vecchia conoscenza di Svinando: Tenuta Monte Gorna. Dopo l’Etna bianco, è arrivato il momento del rosso: il 2011 si presenta in una veste rosso rubino. Avvicinandolo al naso l’arancia rossa di Sicilia emerge dallo sfondo intensamente fruttato. In bocca il tannino è delicato ma vibrante, per un assaggio pieno, vivo e di buona persistenza.
Continua a leggere