Sasso al Vento Sant’Antimo DOC

Az. Agr. Il Poggiolo, 2009
Toscana, Montalcino

Sasso al Vento Sant’Antimo DOC

Offerta scaduta

Lo stile di Montalcino in un blend internazionale

Cosa La sfida nel territorio del Brunello
Perchè Per le sue note suadenti e complesse
Quando Una serata in compagnia
Perfetto con Arrosto di tacchino con prugne e albicocche

Voto Svinando: 4/5

Da regalo

Sasso al Vento Sant’Antimo DOC

Az. Agr. Il Poggiolo, 2009

Con questo Sant’Antimo 2009 il Poggiolo di Montalcino ha deciso di scommettere per la prima volta su questo tipo di blend, con vitigni vinificati separatamente nelle annate precedenti. Noi di Svinando lo abbiamo provato con piacere, e vogliamo dare anche a voi questa possibilità.

L’abbazia di Sant’Antimo che dona il nome alla denominazione si trova nel territorio di Montalcino. Affascinante costruzione, sfondo letterario per diversi racconti tra cui 'il sangue di Montalcino' di Giovanni Negri. La differenza con il vicino di casa (che di nome fa Brunello) sta soprattutto nella vigna, dove sono coltivati soprattutto i vitigni internazionali. Rodolfo Cosimi ricava dalle sue vigne un rosso dai toni di frutta appassita, grill e leggermente speziati, con un gusto caldo e avvolgente come il clima solare della zona ilcinese.
L’azienda agricola il Poggiolo nasce nel 1971 per la passione di Roberto Cosimi, padre di Rodolfo. Dal 1989 dopo la sua prematura scomparsa, Rodolfo, grazie anche al fratello e alla madre, che lo hanno lasciato libero di interpretare il vino, è riuscito a costruire un’azienda con la filosofia di fare un vino di qualità “cercando di dimenticare i costi che tutto questo comporta”. Dal 2003 Rodolfo è rimasto unico proprietario, e questo gli ha dato una maggiore spinta e voglia nel creare vini che possono essere grandi dopo molti anni ma si fanno già apprezzare dal primo momento di commercializzazione.

Il Vino

TipologiaRosso fermo secco DOC
ProvenienzaToscana
UveSangiovese Grosso, Syrah, Merlot
SensazioniColore rosso rubino intenso, vinoso al naso, in bocca è armonico e corposo, giustamente tannico
VinificazioneFermentazione in legno e invecchiamento in tonneau e barrique di tre tipi di legno differenti per 18 mesi
Gradazione alcolica14% vol.
Temperatura di servizio18-20°
Quando berloNoi personalmente non vediamo l'ora di berlo, ma al top ancora per un anno
AbbinamentoPrimi piatti strutturati, piatti di carne, selvaggina

La Vigna

TerrenoGalestroso
Esposizione e altitudineSud-ovest, 450 m s.l.m.
Metodo di allevamentoCordone speronato
Densità d'impianto5.000 ceppi per ettaro





* Lo sconto è calcolato rispetto al prezzo al pubblico così come indicato dal Produttore ovvero come risultante da rilevazioni di mercato.