chiama-lo-01119467821-per-ordini-telefonici
Su Svinando puoi pagare anche in contrassegno e bonifico. Senza costi aggiuntivi.

spedizione-gratuita-con-6-bottiglie

Abbiamo rilevato che stai navigando con una versione obsoleta di Internet Explorer. Potresti avere dei problemi nell'uso del nostro sito. Usa Google Chrome

Per ordini telefonici e info ›› 011 19467821

Spedizioni gratuite con 6 bottiglie

Siamo chiusi per ferie dal 10 al 27 Agosto » Gli ordini effettuati in questo periodo verranno spediti entro mercoledì 30 Agosto p.v.

 Sei già registrato? Accedi qui Con Svinando bevi solo vini di qualità e hai spedizioni gratuite con 6 bottiglie

Entra anche tu nel Wine Club. Accedi alle offerte riservate!

Offerte esclusive con sconti fino al 50% e ogni giorno un nuovo vino

  • f   | Connect
 

Accedi al tuo account

 

Vino Vermentino di Gallura DOCG

primo piano grappolo di uva bianca vermentino su vigna

Le prime tracce di attività vitivinicola in Sardegna risalgono al 1400 a.C. Il vermentino è stato importato probabilmente dagli spagnoli intorno al 1700, anche se sembra che il vitigno abbia origini orientali. In Gallura, la punta occidentale della Sardegna, nel cuore della provincia Olbia-Tempio, il vermentino origina da sempre eccellenti vini bianchi. La DOC è stata approvata nel 1975, la DOCG nel 1996. L'ultima modifica risale al 20/12/2011.

Caratteristiche organolettiche del vino Vermentino di Gallura DOCG

Il Vermentino di Gallura DOCG è un vino bianco sardo che si presenta di colore giallo paglierino con riflessi verdolini; il profumo è caratteristico, con intense note fruttate e floreali, che evolvono verso toni di vaniglia con l'eventuale affinamento in legno; in bocca è fresco, morbido e asciutto, talvolta con retrogusto leggermente amarognolo.

Zone di produzione del vino Vermentino di Gallura DOCG

Le uve usate per produrre il Vermentino di Gallura DOCG devono provenire unicamente dalla zona che comprende l'intero territorio dei comuni di Aggius, Aglientu, Arzachena, Badesi, Berchidda, Bortigiadas, Budoni, Calangianus, Golfo Aranci, Loiri Porto San Paolo, Luogosanto, Luras, Monti, Olbia, Oschiri, Palau, S. Antonio di Gallura, S. Teodoro, S. Teresa di Gallura, Telti, Tempio Pausania, Trinità d'Agultu, in Provincia di Olbia-Tempio, e Viddalba in Provincia di Sassari.

Vitigni consentiti

È consentito l'uso del vitigno vermentino minimo al 95%. Per il restante 5% vitigni non aromatici a bacca bianca idonei alla coltivazione in Sardegna.

Norme di produzione

- La produzione massima di uva deve essere di 10 t / ha
- Sono idonei solo i terreni costituitisi per disfacimento granitico e situati a un’altitudine non superiore ai 500 m s.l.m.
- Per i nuovi impianti e i reimpianti la densità non può essere inferiore a 3.250 ceppi / ha
- Il titolo alcolometrico volumico naturale minimo deve essere di 12% vol.
- Tutte le operazioni di vinificazione, invecchiamento e imbottigliamento, devono essere effettuate nella zona DOCG

 

Le Selezioni di Svinando Wine Club

Ecco alcune delle offerte che abbiamo riservato ai membri del nostro esclusivo Wine Club.
Registrati per essere sempre aggiornato sulle nostre imperdibili offerte. E ricorda... Bere Bene Conviene!

 

Immagine offerta bottiglia di Vermentino Scurtarola - Svinando
Bottone Scopri
Vermentino Bianco IGT
2008, Az. Agr. Podere Scurtarola di Pierpaolo Lorieri, Toscana

Pierpaolo Lorieri, artigiano del vino. Il suo Vermentino è figlio di una filosofia produttiva che prevede pochi interventi in cantina, nessuna filtrazione nè chiarifica: Pierpaolo preferisce farsi guidare dalla sua sensibilità enologica per i tempi di travasi e imbottigliamenti
Continua a leggere

Immagine offerta bottiglia di Chardonnay Valenti - Svinando
Bottone Scopri
Chardonnay Sicilia IGT Trebacche
2011, Az. Agr. Francesco Valenti, Sicilia

La Valle di Noto: terra calda e generosa, dipinta di ocra, incorniciata dal blu profondo del mare che la circonda. Questo stupendo quadro fa da sfondo ad una viticoltura fatta di luoghi, persone e storie millenarie. Noi ci siamo tuffati in questo mondo, incontrando questo vibrante bianco, il Trebacche.
Continua a leggere