chiama-lo-01119467821-per-ordini-telefonici
Su Svinando puoi pagare anche in contrassegno e bonifico. Senza costi aggiuntivi.

spedizione-gratuita-con-6-bottiglie

Abbiamo rilevato che stai navigando con una versione obsoleta di Internet Explorer. Potresti avere dei problemi nell'uso del nostro sito. Usa Google Chrome

Per ordini telefonici e info ›› 011 19467821

Spedizioni gratuite con 6 bottiglie

Incredibile bouquet aromatico premiato ai Decanter World Wine Awards 2017 » Scopri il Perricone di Tenute Orestiadi (-30%)

 Sei già registrato? Accedi qui Con Svinando bevi solo vini di qualità e hai spedizioni gratuite con 6 bottiglie

Entra anche tu nel Wine Club. Accedi alle offerte riservate!

Offerte esclusive con sconti fino al 50% e ogni giorno un nuovo vino

  • f   | Connect
 

Accedi al tuo account

 

Vino novello

Il vino novello italiano si ispira al vino francese Beaujolais nouveau. Ciò che distingue il Beaujolais e il vino novello dagli altri vini è la tecnica di vinificazione specifica usata per la loro produzione, ovvero la macerazione carbonica.
Al di là del metodo di vinificazione però, vi sono delle differenze sostanziali tra il vino novello e il Beaujolais:
- È possibile vendere il vino novello a partire dal 30 ottobre successivo alla vendemmia, mentre la vendita del Beaujolais nouveau in Francia inizia convenzionalmente il terzo giovedì di novembre
- Per la produzione di Beaujolais è previsto esclusivamente l'uso di uve gamay, vinificate solo tramite macerazione carbonica. In Italia per il vino novello è possibile utilizzare 60 differenti vitigni ed è obbligatorio il metodo della macerazione carbonica solo per il 40% delle uve. In questo modo si ottiene spesso un prodotto meno peculiare, in cui oltretutto è difficile riconoscere le caratteristiche varietali, che non fanno in tempo ad emergere visto il particolare tipo di vinificazione
La macerazione carbonica prevede che i grappoli d'uva vengano inseriti in un recipiente a chiusura ermetica che viene in seguito riempito con anidride carbonica. Avviene quindi una fermentazione alcolica intracellulare, che si innesca a causa della mancanza di ossigeno. Nel processo gli zuccheri si trasformano in alcol e si verifica una forte perdita di acido malico, a fronte della produzione di glicerolo. Si lascia l'uva a macerare, senza pigiarla, a una temperatura di circa 30° C per alcuni giorni. È in questa parte del processo che l'uva rilascia la gran parte delle componenti aromatiche e il colore, facendo diventare il vino meno tannico. Il processo si conclude con la pigiatura dell'uva e lo zucchero rimanente viene trasformato in alcol mediante vinificazione tradizionale.
Il vino novello è un vino di colore molto intenso, di facile beva, dal sapore fresco e piacevole, scarsamente tannico. Tuttavia nonostante il suo carattere accattivante e poco impegnativo, negli ultimi anni la produzione di vino novello è fortemente calata, passando dai 18 milioni di bottiglie del 2006 ai circa 4 milioni del 2013.

 


Le Selezioni di Svinando Wine Club

Ecco alcune delle offerte che abbiamo riservato ai membri del nostro esclusivo Wine Club.
Registrati per essere sempre aggiornato sulle nostre imperdibili offerte. E ricorda... Bere Bene Conviene!

 

Immagine offerta bottiglia di Barolo Roccheviberti - Svinando
Barolo Rocche di Castiglione DOCG
2007, Az. Agr. Roccheviberti, Piemonte

Il Barolo che nasce nelle Rocche di Castiglione Falletto ha in sé qualcosa di tradizionale e di moderno allo stesso tempo. La tradizione del nebbiolo, che si affina per 3 anni in cantina in botti grandi di rovere, e la modernità che troviamo nelle sfumature di questo 2007, che oggi ci regala ancora un accenno di frutto rosso succoso, ma lascia già spazio a profumi di corteccia, cuoio e liquirizia, quelli che ci si aspetta da un grande Barolo....
Continua a leggere

Immagine offerta bottiglia di Primitivo 17 Polvanera - Svinando
Primitivo DOC Polvanera 17 
2009, Az. Agr. Cantine Polvanera, Puglia

Il Primitivo 17 ci ha stupiti: ci aspettavamo la beva impegnativa dei rossi di zona, abbiamo invece trovato un concentrato di confettura e fico fuso a toni più vegetali. Un complesso di emozioni fini, potenti ma non invasive. Bocca di peso, con un allungo finale che lascia la bocca carica di sapori.
Continua a leggere