chiama-lo-01119467821-per-ordini-telefonici
Su Svinando puoi pagare anche in contrassegno e bonifico. Senza costi aggiuntivi.

spedizione-gratuita-con-6-bottiglie

Abbiamo rilevato che stai navigando con una versione obsoleta di Internet Explorer. Potresti avere dei problemi nell'uso del nostro sito. Usa Google Chrome

Per ordini telefonici e info ›› 011 19467821

Spedizioni gratuite con 6 bottiglie

Siamo chiusi per ferie dal 10 al 27 Agosto » Gli ordini effettuati in questo periodo verranno spediti entro mercoledì 30 Agosto p.v.

 Sei già registrato? Accedi qui Con Svinando bevi solo vini di qualità e hai spedizioni gratuite con 6 bottiglie

Entra anche tu nel Wine Club. Accedi alle offerte riservate!

Offerte esclusive con sconti fino al 50% e ogni giorno un nuovo vino

  • f   | Connect
 

Accedi al tuo account

 

Vino Negroamaro Terra d'Otranto DOC

paessagio campo e mare in salento puglia otranto

Presente sul territorio sin dal VI secolo a.C., in cui monopolizzava l’intera viticoltura brindisina, leccese e tarantina, deve il suo nome alla combinazione del termine latino e greco per indicare il colore nero, a sottolinearne la sua caratteristica tonalità profonda. Una teoria meno accreditata ma più legata al territorio pugliese sostiene che discenda dall’espressione dialettale locale “niuru maru” che significa “nero e amaro”. Attualmente rappresenta oltre il 70% della vasta superficie vitata pugliese. Solo nel 2011 ottiene la denominazione d’origine controllata.

Caratteristiche organolettiche del vino Negroamaro di Terra d'Otranto DOC

Tipologia rosato:
Di colore cerasuolo intenso, in bocca pieno e fruttato, conferma al naso una caratteristica delicatezza comunque corposa, anche nella tipologia frizzante, che lo rende gradevole compagno sia di formaggi freschi sia a fine pasto, specie con i dolci di frutta.
Tipologia rosato spumante:
Tra il tenue e il cerasuolo brillante, in bocca è armonico e fresco, mantenendo il fruttato al naso. Ideale con la pasticceria fresca del territorio.
Tipologia rosso:
Di colore caratteristico rosso rubino tendente al granato, più intenso nella tipologia riserva, in bocca si mostra pieno, armonico e intenso, al naso intenso e persistente. Adatto ad accompagnare formaggi di buona stagionatura e carni elaborate.

Zone di produzione del vino Negroamaro di Terra d'Otranto DOC

È autorizzato alla produzione l’intero territorio amministrativo delle province di Lecce, Taranto e Brindisi.

Vitigni consentiti

Nel rispetto del disciplinare “Terra d’Otranto”, in tutte le tipologie deve osservare la quantità minima di 90% di uve negroamaro, a cui si possono aggiungere, per la restante parte, uve di altri vitigni a bacca rossa della zona “Salento-Arco Ionico salentino”.

Norme di produzione

- La produzione massima di uva deve essere di 11 t / ha
- Il titolo alcolometrico volumico naturale minimo deve essere di 11,5% vol.
- La tipologia Riserva richiede un invecchiamento di almeno 24 mesi
- L’immissione in consumo per le altre tipologie deve avvenire non prima del 1 gennaio dell’anno successivo alla vendemmia
- Tutte le operazioni di vinificazione, invecchiamento e imbottigliamento, debbono essere effettuate nella zona DOC

 

Le Selezioni di Svinando Wine Club

Ecco alcune delle offerte che abbiamo riservato ai membri del nostro esclusivo Wine Club.
Registrati per essere sempre aggiornato sulle nostre imperdibili offerte. E ricorda... Bere Bene Conviene!

 

Immagine offerta bottiglia di Primitivo 17 Polvanera - Svinando
Bottone Scopri
Polvanera 17 Primitivo DOC 
2009, Az. Agr. Cantine Polvanera, Puglia

Il Primitivo 17 ci ha stupiti: ci aspettavamo la beva impegnativa dei rossi di zona, abbiamo invece trovato un concentrato di confettura e fico fuso a toni più vegetali. Un complesso di emozioni fini, potenti ma non invasive. Bocca di peso, con un allungo finale che lascia la bocca carica di sapori.
Continua a leggere

Immagine offerta bottiglia di Lamoremio Benanti - Svinando
Bottone Scopri
Lamorèmio
2004, Vinicola Benanti, Sicilia

Che vino questo Lamorèmio. In bocca si percepisce tutta la sua importanza, la ricchezza a centro bocca si diluisce in un finale dal tannino fine, setoso. I vitigni autoctoni, nerello mascalese e nero d’Avola, sono interpretati al meglio, dando vita ad un rosso elegante ed austero, ma dall’animo mediterraneo. Un grande rosso del sud da gustare con il palato e con la mente.
Continua a leggere