chiama-lo-01119467821-per-ordini-telefonici
Su Svinando puoi pagare anche in contrassegno e bonifico. Senza costi aggiuntivi.

spedizione-gratuita-con-6-bottiglie

Abbiamo rilevato che stai navigando con una versione obsoleta di Internet Explorer. Potresti avere dei problemi nell'uso del nostro sito. Usa Google Chrome

Per ordini telefonici e info ›› 011 19467821

Spedizioni gratuite con 6 bottiglie

Siamo chiusi per ferie dal 10 al 27 Agosto » Gli ordini effettuati in questo periodo verranno spediti entro mercoledì 30 Agosto p.v.

 Sei già registrato? Accedi qui Con Svinando bevi solo vini di qualità e hai spedizioni gratuite con 6 bottiglie

Entra anche tu nel Wine Club. Accedi alle offerte riservate!

Offerte esclusive con sconti fino al 50% e ogni giorno un nuovo vino

  • f   | Connect
 

Accedi al tuo account

 

Vino Montepulciano d'Abruzzo Colline Teramane DOCG

paesaggio delle colline abruzzesi con vitigni

Il vitigno montepulciano è molto probabilmente autoctono della zona tra Abruzzo e Marche. Spesso viene confuso con il sangiovese, forse perché quest’ultimo è il vitigno utilizzato per produrre il Vino Nobile di Montepulciano, che prende il nome dall’omonimo comune toscano, che però nulla ha a che vedere con il vitigno abruzzese. La viticoltura nell’area di Teramo ha origini antichissime, tanto che lo storico Polibio, già nel II secolo a.C. descriveva come Annibale e il suo esercito avessero goduto dei vini della zona. Il vino Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane ha ottenuto la DOC nel 1968 e la DOCG nel 2003.

Caratteristiche organolettiche del vino Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane DOCG

Il vino Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane DOCG si presenta di colore rosso rubino con riflessi violacei, che vira verso il granato con l’invecchiamento; al naso esprime profumi di frutta rossa matura e spezie; in bocca è potente, strutturato e allo stesso tempo rotondo, di ottima persistenza.

Zone di produzione del vino Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane DOCG

La produzione del vino Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane DOCG è consentita nel territorio dei seguenti comuni in provincia di Teramo: Ancarano, Atri, Basciano, Bellante, Campli, Canzano, Castellalto, Castiglione Messer Raimondo, Castilenti, Cellino Attanasio, Cermignano, Civitella del Tronto, Colonnella, Controguerra, Corropoli, Giulianova, Martinsicuro, Montorio al Vomano, Morro d'Oro, Mosciano Sant'Angelo, Nereto, Notaresco, Penna Sant'Andrea, Pineto, Roseto degli Abruzzi, Sant'Egidio alla Vibrata, Sant'Omero, Silvi, Teramo, Torano Nuovo, Tortoreto in Provincia di Teramo.

Vitigni consentiti

È consentito l’uso del vitigno montepulciano minimo al 90%, con l’eventuale aggiunta di sangiovese, massimo al 10%.

Norme di produzione

- La produzione massima di uva deve essere di 9,5 t / ha
- Per i nuovi impianti e i reimpianti la densità non può essere inferiore a 3.000 ceppi per ettaro
- Il titolo alcolometrico volumico naturale minimo deve essere di 12,5% vol.
- Tutte le operazioni di vinificazione, invecchiamento e imbottigliamento, devono essere eseguite nella zona DOCG (salvo alcune eccezioni)

 

Le Selezioni di Svinando Wine Club

Ecco alcune delle offerte che abbiamo riservato ai membri del nostro esclusivo Wine Club.
Registrati per essere sempre aggiornato sulle nostre imperdibili offerte. E ricorda... Bere Bene Conviene!

 

Immagine offerta bottiglia di Brunello Pietroso - Svinando
Bottone Scopri
Brunello di Montalcino DOCG
2008, Az. Agr. Pietroso, Toscana

La famiglia di Gianni Pignattai imbottiglia Brunello di Montalcino dal 1978, con la terza generazione ormai già avviata a raccogliere il testimone. Trent’anni di storia portano a un Brunello 2008 davvero interessante, dove la tradizione, il territorio e la storia di questo borgo sono espressi tramite uno stile che sa rinnovarsi nel tempo.
Continua a leggere

Immagine offerta bottiglia di Polisia Vigneti Vallorani - Svinando
Bottone Scopri
Rosso Piceno DOP Polisia
2010, Vigneti Vallorani, Marche

La rinascita della viticoltura passa attraverso l'impegno e passione di giovani come Rocco Vallorani. Gli studi in enologia, le esperienze in Toscana, Oregon e Nuova Zelanda ne hanno fatto crescere la passione per il vino e la vite, passione che l'ha portato a ritornare nella sua Colli del Tronto. Un territorio ancora poco conosciuto, ma che offre profumi stupendi.
Continua a leggere