chiama-lo-01119467821-per-ordini-telefonici
Su Svinando puoi pagare anche in contrassegno e bonifico. Senza costi aggiuntivi.

spedizione-gratuita-con-6-bottiglie

Abbiamo rilevato che stai navigando con una versione obsoleta di Internet Explorer. Potresti avere dei problemi nell'uso del nostro sito. Usa Google Chrome

Per ordini telefonici e info ›› 011 19467821

Spedizioni gratuite con 6 bottiglie

Siamo chiusi per ferie dal 10 al 27 Agosto » Gli ordini effettuati in questo periodo verranno spediti entro mercoledì 30 Agosto p.v.

 Sei già registrato? Accedi qui Con Svinando bevi solo vini di qualità e hai spedizioni gratuite con 6 bottiglie

Entra anche tu nel Wine Club. Accedi alle offerte riservate!

Offerte esclusive con sconti fino al 50% e ogni giorno un nuovo vino

  • f   | Connect
 

Accedi al tuo account

 

Vini Lombardi

Paesaggio vigne vigneti lombardia

La Lombardia, una delle regioni più grandi d’Italia per estensione, presenta un panorama vinicolo tanto ampio quanto, se escludiamo un paio di zone, poco conosciuto. Attualmente le DOC sono 23, mentre 5 sono le DOCG. Conosciuti fin dall’epoca dell’Antica Roma, i vini lombardi hanno avuto “fan” importanti, come Leonardo Da Vinci: Ludovico il Moro donò a Leonardo un terreno coltivato a vigneto, tra la Fossa Interna e Porta Vercellina, accanto alla Basilica di Santa Maria delle Grazie, il 26 aprile 1499. Il genio toscano lo curò sempre con molta dedizione e cura.

Principali vitigni per la produzione dei vini lombardi

Tra i vitigni a bacca rossa sono da citare barbera, bonarda, uva rara, lambrusco e croatina, oltre agli autoctoni groppello, moscato di Scanzo, pignola, rossola nera e vespolina. A bacca bianca gli internazionali pinot bianco e chardonnay, con cui si producono i metodo Classico di Franciacorta (insieme al pinot nero, a bacca scura), riesling (renano e italico), e l’autoctono invernenga.

Principali zone di produzione dei vini lombardi

Il clima estremamente vario della Lombardia, che spazia dal continentale all’alpino fino al mediterraneo a ridosso dei laghi di dimensioni maggiori, permette di ottenere prodotti anche molto diversi tra loro: possiamo infatti trovare grandi vini rossi a base nebbiolo in Valtellina, ma anche eccezionali e finissimi spumanti metodo Classico in Franciacorta e nella zona dell’Oltrepò Pavese. Esistono anche numerose eccellenze meno conosciute e dal sicuro interesse vitivinicolo ed enologico. Vediamole insieme:
- Bergamo: attorno al piccolo comune di Scanzorosciate viene prodotta l’unica DOCG bergamasca, un vino dolce rosso di elevata qualità ottenuto utilizzando moscato di Scanzo in purezza. Vendemmia tardiva, appassimento prolungato delle uve e lungo affinamento gli donano aromi e sapori inconfondibili. Nella stessa provincia un'altra interessante denominazione è il Valcalepio che può essere rosso, bianco, rosato o moscato passito. Le uve autorizzate sono il merlot, il cabernet sauvignon, pinot bianco, pinot grigio, sauvignon, moscato e/o moscato di Scanzo
- Oltrepò Pavese: spostandoci nel pavese troviamo denominazioni più note, come l’Oltrepò Pavese che può dare vini rossi (come per esempio la Bonarda e il Buttafuoco) o bianchi, ma anche eccellenti spumanti metodo Classico. Gli uvaggi più utilizzati nella provincia delle risaie sono la croatina (qui chiamata tradizionalmente bonarda), la barbera ed il pinot nero per quanto riguarda la bacca nera; il cortese, il pinot grigio, la malvasia e il riesling renano per la bacca bianca
- Brescia e Franciacorta: nella provincia di Brescia, oltre ai celebri Franciacorta, ottenuti da pinot nero, pinot bianco e chardonnay, troviamo numerose DOC: attorno al Lago di Garda, sfruttandone il clima mediterraneo, vengono prodotti eccellenti rossi, bianchi e rosati sotto la denominazione Garda Classico. Le uve più utilizzate sono l’autoctono groppello (il cui nome deriva dalla forma a “grop”, cioè “nodo” nel dialetto locale, del grappolo), la barbera, il sangiovese e il marzemino per i rossi e i rosati (che qua vengono definiti Chiaretti); il riesling renano e quello italico per i bianchi. Spostandoci a est si incontra la zona del Botticino DOC e del Capriano del Colle DOC dove si producono vini adatti anche al lungo invecchiamento, ottenuti da uve barbera, marzemino, sangiovese e schiava per i rossi, trebbiano di Lugana o toscano per i bianchi. Nelle colline moreniche a sud del Lago di Garda nasce il più noto Lugana DOC, conosciuto ormai anche a livello internazionale grazie alla sua grande struttura ed eleganza
- Altre zone: nelle provincie di Lodi e Milano l’unica DOC è il S. Colombano, prodotto su una collina che si erge solitaria 40 km a sud della metropoli sfruttando croatina, barbera e uva rara. Nel mantovano grande ed antica è la tradizione del Lambrusco, che qua viene prodotto soprattutto nella forma secca con le varietà salamino, maestri e marani

 

Le Selezioni di Svinando Wine Club

Ecco alcune delle offerte che abbiamo riservato ai membri del nostro esclusivo Wine Club.
Registrati per essere sempre aggiornato sulle nostre imperdibili offerte. E ricorda... Bere Bene Conviene!

 

Immagine offerta bottiglia di Franciacorta Fratelli Muratori  - Svinando
Franciacorta Dosaggio Zero DOCG
Az. Agr. Fratelli Muratori - Villa Crespia, Lombardia

Il vitigno è il pinot nero, personaggio difficile, vinificato senza l’aggiunta di liqueur, per mantenere intatte le sue caratteristiche e l’identità del terroir. Ne risulta un metodo Classico intenso e deciso, che accarezza il naso con sentori di pane appena sfornato, con una nitida nota agrumata, firma di Villa Crespia, a fare da contrappunto.
Continua a leggere

Immagine offerta bottiglia di Riesling Ca' Boffenisio - Svinando
Riesling Superiore O.P. DOC
2010, Tenuta Ca' Boffenisio, Lombardia

Prima di assaggiare questo vino Maria Adele Galanti ha voluto spiegarci la sua filosofia del vino bianco: questo deve saper invecchiare come e più di un rosso, i suoi bianchi sono espressione del territorio e vanno bevuti a tempo debito.
Continua a leggere