chiama-lo-01119467821-per-ordini-telefonici
Su Svinando puoi pagare anche in contrassegno e bonifico. Senza costi aggiuntivi.

spedizione-gratuita-con-6-bottiglie

Abbiamo rilevato che stai navigando con una versione obsoleta di Internet Explorer. Potresti avere dei problemi nell'uso del nostro sito. Usa Google Chrome

Per ordini telefonici e info ›› 011 19467821

Spedizioni gratuite con 6 bottiglie

Siamo chiusi per ferie dal 10 al 27 Agosto » Gli ordini effettuati in questo periodo verranno spediti entro mercoledì 30 Agosto p.v.

 Sei già registrato? Accedi qui Con Svinando bevi solo vini di qualità e hai spedizioni gratuite con 6 bottiglie

Entra anche tu nel Wine Club. Accedi alle offerte riservate!

Offerte esclusive con sconti fino al 50% e ogni giorno un nuovo vino

  • f   | Connect
 

Accedi al tuo account

 

Vini Laziali

vigne in controluce lazio

Il vigneto laziale si estende su una superficie di circa 50.000 ettari, su un terreno per metà collinare e per il resto equamente diviso tra pianura e montagna. La regione vanta 26 DOC e 3 DOCG, ma nonostante sia stata la culla della civiltà Romana, che in passato ha contribuito in misura preponderante alla diffusione su larga scala della tradizione vitivinicola, fatica oggi ad emergere nel panorama enologico italiano.

Principali vitigni per la produzione di vini laziali

In Lazio sono prevalenti i vitigni a bacca bianca, tra cui sono da citare malvasia del Lazio, malvasia puntinata, trebbiano giallo, trebbiano romagnolo, malvasia di Candia, trebbiano toscano, greco, cacchione, bombino bianco e grechetto, e gli internazionali chardonnay, sauvignon, semillon e pinot bianco. A bacca scura l'autoctono cesanese (comune e di Affile), montepulciano, sangiovese, e gli internazionali cabernet sauvignon, syrah e merlot.

Principali zone di produzione dei vini laziali

In provincia di Viterbo, presso Montefiascone si trova la DOC Est! Est!! Est!!!. Il nome deriva da una leggenda: si dice che un monsignore al servizio dell'imperatore Enrico V inviò il suo servo a cercare le migliori cantine della zona, intimandogli di segnare quelle reputate degne di nota scrivendo sulla porta la parola EST (è). A Montefiascone il servitore trovò un vino che gli piacque così tanto da fargli ripetere la parola EST per tre volte. I Castelli Romani sono senz'altro la zona di produzione più conosciuta della regione. Poco distanti dalla capitale, si distinguono per la prevalenza di vini bianchi. Qui si trova la DOC Frascati, forse la più nota del Lazio. Le “frasche” da cui pare derivare il nome di quest'area sono il simbolo tradizionale del vino nuovo. E nella stessa zona troviamo anche due delle DOCG della regione, il bianco dolce Cannellino di Frascati DOCG e il bianco secco Frascati Superiore DOCG, entrambi prodotti prevalentemente con malvasia bianca di Candia e/o malvasia del Lazio in uvaggio. Nel frusinate si trova infine la terza DOCG della regione, il Cesanese del Piglio DOCG, che si produce con il vitigno autoctono a bacca scura cesanese (d’Affile o comune).

 

Le Selezioni di Svinando Wine Club

Ecco alcune delle offerte che abbiamo riservato ai membri del nostro esclusivo Wine Club.
Registrati per essere sempre aggiornato sulle nostre imperdibili offerte. E ricorda... Bere Bene Conviene!

 

Immagine offerta bottiglia di Sauvignon Terre di Ala d'Amico - Svinando
Bottone Scopri
Sauvignon e Sémillon IGP Terre di Ala
2012, Az. Agr. Paolo e Noemia d'Amico, Lazio

Nell’Alta Valle del Tevere, a cavallo tra Lazio e Umbria, Paolo e Noemia d’Amico hanno puntato con passione e tenacia su vini di grande impatto olfattivo, che potessero stupire gli assaggiatori. I profumi così spiccati derivano soprattutto dal terreno, di origine vulcanica, geologicamente antico e molto suggestivo, solcato da calanchi tufacei. Da queste terre nasce un blend di sauvignon blanc e sémillon, dal carattere bordolese.
Continua a leggere

Immagine offerta bottiglia di Merlot Villa Tirrena - Svinando
Bottone Scopri
Merlot Lazio IGP Villa Tirrena
2010, Az. Agr. Paolo e Noemia d'Amico, Lazio

Paolo e Noemia D'Amico ci portano a conoscere una zona in grande ascesa, la Valle del Tevere, crocevia fra Toscana, Lazio ed Umbria. Il loro ‘Villa Tirrena’ porta il nome della Tenuta, come vuole la tradizione bordolese, a cui Paolo e Noemia si ispirano per questo vino.
Continua a leggere